Configurazione della settimana lavorativa

Una guida alla configurazione dell'orario di lavoro e con giorni lavorativi fissi e variabili
Scritto da Dan Gubler
Aggiornato 6 mesi fa

Per impostare la settimana lavorativa per i tuoi dipendenti, utilizzeremo questa guida per esaminare i diversi termini di impiego e le opzioni di registrazione del tempo. In questi esempi, assumeremo l'occupazione a tempo pieno e l'occupazione a tempo determinato. Per altri rapporti di lavoro che non prevedono un orario di lavoro settimanale fisso, suggeriamo di utilizzare la modalità di tracciamento "Base". Scopri le caratteristiche del prodotto per ulteriori informazioni sulle nostre varie modalità di tracciamento.

Ogni dipendente è configurato con un tipo di monitoraggio. Esistono i seguenti tipi:

  • Tempo pieno: l'orario di lavoro settimanale è suddiviso in singole giornate lavorative. I tempi del personale controllano la registrazione completa del tempo. Se non viene registrato alcun orario, il giorno corrispondente viene visualizzato con un saldo negativo e contrassegnato come "Foglio presenze mancante" nel rapporto di dettaglio del dipendente.
  • Tempo parziale: l'orario di lavoro settimanale in % del carico di lavoro a tempo pieno è distribuito su giorni lavorativi selezionati. Viene verificata la registrazione dell'orario dei giorni lavorativi configurati. L'eventuale registrazione delle ore mancanti viene evidenziata con saldo negativo e contrassegnata nel report dettagliato del dipendente.
  • Basico: non richiede la configurazione dell'orario di lavoro settimanale. Pertanto, non viene applicata alcuna convalida.

La settimana lavorativa standard: il dipendente con un orario di lavoro settimanale fisso suddiviso in 5 giorni lavorativi equamente suddivisi

Con questo tipo di impiego, ci sono 5 giorni lavorativi fissi con un piano orario giornaliero coerente. La settimana lavorativa viene assegnata in base alla formula Ore settimanali divise per il numero di giorni lavorativi. Esempio: una settimana di 40,00 ore con 5 giorni lavorativi risulta in un piano giornaliero di 8,00 ore. Pertanto, una giornata lavorativa vale 8 ore, il che significa che ogni ferie retribuite così come ogni assenza retribuita (ad esempio, malattia/infortunio, ferie/ferie) vale 8 ore lavorative. Le assenze di mezza giornata contano 4 ore.

In Staff Times, questa settimana lavorativa a tempo pieno è impostata come segue:

La settimana standard con orario di lavoro variabile

Per i dipendenti con giorni lavorativi fissi ma orari di servizio diversi, ad es. a causa dei diversi orari di lavoro, è consigliabile non distribuire equamente le ore del piano giornaliero, ma applicare orari del piano più lunghi in determinati giorni lavorativi e in altri giorni si applica un piano più basso. Esempio: una settimana di 40 ore con 5 giorni lavorativi si traduce in un piano giornaliero di 8 ore. Può essere applicata la seguente deviazione; 9 ore per candidarsi dal lunedì al giovedì e 4 ore il venerdì (giornata lavorativa ridotta). Questo modello è ampiamente utilizzato in settori come l'edilizia. Questa esigenza pone le seguenti domande:

  • In questo esempio, come vengono contabilizzate le assenze/permessi quando il venerdì mostra 4 ore del piano e le assenze sono riportate in giorni invece che in ore? Una giornata di 4 ore conta  intera o mezza giornata se un giorno di ferie o un giorno di malattia cade di venerdì?
  • Poiché la banca ferie Staff Times gestisce le ferie in giorni (non in ore), i giorni lavorativi devono essere assegnati a metà o giorni interi utilizzando le caselle di spunta sopra illustrate. Se il venerdì è definito come mezza giornata, significa che il congedo ferie può essere considerato come mezza giornata e la cassa ferie assume quindi una settimana lavorativa di 4,5 giorni (quota 90%).

Il lavoratore con giornate lavorative variabili

Per i dipendenti con giornate lavorative variabili, esistono sostanzialmente due tipologie di settimane lavorative:

Tipo A

con orario di lavoro settimanale fisso e dove i giorni lavorativi cambiano di settimana in settimana. Come esempio prendiamo la settimana di 40 ore con 5 giorni lavorativi e 8 ore al giorno. I giorni lavorativi potrebbero essere dal lunedì al venerdì nella settimana 1, ma nella settimana 2 dal martedì al sabato, ecc. Questo tipo di settimana lavorativa è comune nei negozi al dettaglio.

Sugli orari del personale, questo tipo di settimana lavorativa non è attualmente configurabile. Per ovviare a questo problema, ti consigliamo di utilizzare il modello della modalità settimana lavorativa standard di cui sopra, che verrà bilanciato alla fine della settimana.

Tipo B

senza orario di lavoro settimanale fisso ei giorni lavorativi cambiano di settimana in settimana. Prendiamo ad esempio un dipendente a cui vengono assegnati 6 giorni lavorativi nella settimana 1, nella settimana 2 gli vengono assegnati 4 giorni, nella settimana 3 gli vengono assegnati 3 giorni con turno in ritardo (che fa scattare un giorno libero retribuito) e nella settimana 4 è programmato per 4 giorni in cui 2 di questi sono la domenica, il che fa scattare due giorni di riposo retribuiti. Complessivamente nel mese sono stati programmati 20 giorni lavorativi. Questo modello è ampiamente utilizzato nel settore della ristorazione. Per gestire questo rapporto di lavoro sono necessari i turni di lavoro e di servizio.

Si prega di notare che l'impostazione degli orari di lavoro in Staff Times non è ancora disponibile. Tuttavia, se gestisci i programmi di lavoro localmente (su un altro strumento), è possibile utilizzare i tempi del personale per registrare l'orario di lavoro effettivo utilizzando la modalità di tracciamento di base.

Ti è stato utile questo articolo?